II DOMENICA DOPO L’EPIFANIA

Lettura del Vangelo secondo Giovanni 2, 1-11
In quel tempo. Vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».
Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora».
Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

Anche questa domenica continua l'Epifania di Gesù, il suo manifestarsi. Ai Magi Gesù si rivela come salvezza dell'intera umanità, sulle rive del Giordano confuso tra la folla si manifesta come il Figlio, l'Amato e infine a Cana come sorgente di gioia, vino per la festa. Che il primo segno compiuto da Gesù sia quello dell'acqua mutata in vino e vino di eccellente qualità per togliere dall'imbarazzo quegli sposi forse poco previdenti, tutto questo è molto simpatico.
Ma nella pagina di Cana c'è molto di più. Possiamo fermarci alla cronaca di un fatto portentoso che restituisce al Vangelo il suo gusto gioioso. Il vangelo e lo stile cristiano non possono essere ostili alla gioia di vivere se il primo segno compiuto da Gesù è questa sorta di diluvio di vino generoso perché la festa di nozze non finisca nello squallore e nell'astinenza. Ma la pagina di Cana, a prima vista così ingenua, quasi un quadretto di vita familiare, è solo apparentemente semplice. In realtà è pagina ricca di significati simbolici. L'evangelista non parla infatti di 'miracolo' ma di 'segno': ci invita così a decifrare il segno per coglierne la ricchezza simbolica.
Tante parole del testo a prima vista ordinarie racchiudono significati più profondi, appunto sono segni che ci invitano ad andare oltre, a leggere in profondità. Due termini, in particolare. Il termine 'donna' con il quale Gesù si rivolge alla Madre e che a prima vista ci sorprende. E' un termine che troviamo in pagine decisive della Scrittura. La donna di cui parla il primo libro della Bibbia, che partorirà un figlio che schiaccerà la testa del serpente che ha ingannato Eva. E nell'ultimo libro della Bibbia, l'Apocalisse, ancora la donna che combatte il drago che vorrebbe divorare il suo figlio. E infine quando Gesù morente affida tutti noi alla Madre e la Madre a tutti noi rappresentati dal discepolo Giovanni, la chiamerà donna. Quindi un termine che allude alla maternità di Maria per tutta l'umanità.
E poi ancora il termine 'ora'. "Non è ancora giunta la mia ora" replica Gesù alla madre che lo sollecita ad intervenire a favore degli sposi. Con questo termine 'ora' Gesù indica non già un qualsiasi momento del tempo ma l'ora decisiva della sua vita, l'ora della sua passione. Anche in quell'ora, suprema, ci sarà del vino segno e memoriale del sangue sparso. Bisognerebbe quindi leggere con grande cura ogni parola di questa pagina ricca appunto di segni. Il segno delle nozze, del banchetto, del vino generoso….tutti segni che rinviano alla grande festa che Dio prepara per l'intera umanità, come abbiamo letto nella prima lettura del profeta Isaia.
Ma vorrei soffermarmi sulle due parole che Maria pronuncia: sono così poche le parole di Maria riportate dai vangeli. A Cana Maria dice una prima parola: "Non hanno più vino". Può sembrare una osservazione banale. Esprime invece la premurosa attenzione di Maria che sola tra tutti commensali intuisce il disagio degli sposi. Questa parola ci rivela chi è Maria: uno sguardo attento, intuitivo che sa leggere il nostro bisogno, ciò che manca per la nostra gioia. Maria è uno sguardo rivolto verso di noi. Per questo il popolo cristiano istintivamente si volge a Lei nei momenti del bisogno, della sofferenza. E innumerevoli sono i luoghi che la devozione ha dedicato a Maria, luoghi dove si raccolgono le lacrime e le speranza di tanta gente. E la seconda parola, rivolta ai servi: "Fate quello che vi dirà". Maria non risolve il disagio di quegli sposi: il suo compito è quello di indicare il suo Figlio, a Lui dobbiamo volgerci. Ci invita a metterci sotto l'azione potente e misericordiosa del suo Figlio. In questo Maria appare davvero come la grande educatrice della nostra fede: ci indica la strada, ci invita ad ascoltare le parole del suo Figlio per realizzarle. Dopo questa parola non abbiamo più, nei vangeli, altre parole di Maria. Questa è la sua parola ultima, come un testamento.
Altro Maria non dice perché in questo invito ad ascoltare e realizzare la parola del suo Figlio Gesù è detto tutto e di null'altro abbiamo bisogno.


Per la preghiera in famiglia

Signore Gesù,
vogliamo anzitutto dirti grazie perché ti vediamo partecipe della nostra esistenza dimostrando di desiderare per noi una gioia sovrabbondante.
Le nostre feste spesso non danno quello che generosamente avevano promesso: le nostre gioie facilmente si convertono nella monotonia e nella noia.
Signore Gesù,
per questo ti vogliamo pregare confidando molto nella tua premurosa solidarietà.
Quando siedi alla tavola della nostra amicizia e ci vedi sopraffatti dal grigiore della stanchezza, rinnova per noi il miracolo di Cana perché possiamo ritrovare il sapore della vita.
Ascolta le parole degli amici che ci vorrebbero salvare da ogni tristezza; rendici a nostra volta generatori di gioia con i gesti della condivisione che tu ci hai insegnato.
Sii sempre presente in mezzo a noi come lo Sposo che invita alla festa; sii presente soprattutto nelle nostre famiglie quando manca il "vino" dell'amore e del perdono.
Sii tu il vino del miracolo segretamente invocato dalla nostra inesausta sede di amore e fa' che nessuna tristezza possa mai velare il sorriso che oggi hai fatto sbocciare sul volto di tante persone ridestando nel loro cuore la speranza della gioia.
Amen


18-25 gennaio 2019
Settimana di preghiera per l’unità dei Cristiani

PREGHIERA ECUMENICA
O Dio nostra roccia, ti rendiamo grazie perché con la tua bontà ci sostieni nei momenti di prova, e ci mostri la tua luce nei momenti di oscurità.
Trasforma la nostra vita affinché possiamo essere una benedizione per il nostro il prossimo.
Aiutaci a vivere l’unità nella diversità quale testimonianza della comunione con te Padre, Figlio e Spirito Santo, un solo Dio nei secoli dei secoli.
Amen