informatoreDomenica della Ss. Trinità

Il credente (dico il credente!)

Abbiamo ripreso a celebrare la Messa dai giorni feriali: era lunedì 18 maggio. Poi siamo arrivati al 23 e 24 maggio con la celebrazione festiva. La scansione del tempo che è accaduta pone degli interrogativi al credente (dico il credente!).
Ora, passata la buriana, a nessuno interessa più il problema celebrativo. Inoltre, vista la serietà della Chiesa nel procedere con mascherine, distanze sulle panche, posti segnati, lavaggio di mani... non si è più sui giornali. Quante tensioni inutili tra: "Aprire subito le chiese, no aspettare; poi come aprire o come fare...". Certo c'era in ballo lo spazio celebrativo per un numero relativo di persone rispetto agli spazi commerciali (indispensabili ovviamente) dove il contatto tra la gente era evidente e questo creava confronto e tensione. Ora che siamo, per un certo verso, tornati alla normalità mi permetto di segnalare due punti e lo farò con una voluta priorità: prima il feriale e poi il festivo.

informatoreNessun foglio informatore

Non è un segno di pigrizia o la mancanza di "materiale" su cui scrivere!
Non viene pubblicato nulla in questa settimana perché si propone di "rimanere" sul foglio informatore della scorsa settimana a quattro pagine.
Perché?

  1. molti non lo hanno potuto prendere, non venendo ancora in chiesa
  2. molti lo hanno preso, ma non l'hanno letto
  3. molti, pur venendo in chiesa, non lo hanno ritirato
  4. molti lo hanno letto, ma parzialmente.

Ritengo che il testo abbia bisogno di qualche giorno in più perché si possa leggere e approfondire. Tra le cose scritte emerge il tentativo di non lasciar perdere quel gesto significativo per cui... si ritorna a celebrare.
Che cosa comporta l'assenza delle celebrazioni e ora la ripresa?  
Continuiamo allora nella lettura!

don Norberto

informatoreVII domenica di Pasqua - domenica dopo l'Ascensione

"Bentornati a tutti, la tavola è imbandita, accomodatevi"!

Sabato 23 e domenica 24 maggio 2020 la sesta liturgia di Pasqua si celebra con il popolo di Dio! Sei domeniche senza nessuno in chiesa (pur celebrando sempre) e sei domeniche di Quaresima precedenti con altrettanto silenzio. Ora la liturgia domenicale... come Dio comanda, finalmente! Ci sarà solo da avere un po' di pazienza per la prenotazione e per mascherine ma, va bene.
In nove giorni precedenti abbiamo offerto una "novena" di avvicinamento, scandendo i numeri: - 9, - 8... - 1... come quando si attende l'arrivo dell'anno nuovo. E ora la festa!
Per comodità rimettiamo sul foglio informatore tutti i nove atteggiamenti da vivere e che rimangono indicazioni precise anche per il futuro, facendo pulizia di ciò che è vecchio, togliendo abitudini stantìe, correggendo comportamenti sbagliati e soprattutto percependo il privilegio di poter accedere... alla Cena del Signore, al Banchetto dell'Agnello: non caramelle!
Bentornati allora a tutti: prego, accomodatevi...

don Norberto