L'11 maggio ENRICO SCIARINI, punto di riferimento per la Scuola di Italiano Caritas, ha ricevuto l'Ape d'Oro.
Gli studenti del corso serale della Scuola di Italiano Caritas hanno voluto festeggiare insieme al loro maestro questa occasione intervistandolo a ridosso della consegna dell'onorificenza segratese.


Chi le ha consegnato l'Ape d'Oro? Il sindaco?
Non è stato il sindaco, che era presente alla cerimonia, ma la presidente della Proloco segratese, Donatella Mercuri. I premiati sono state sei persone e un rappresentante di un'azienda che produce biciclette.
Quale è stata la motivazione della sua premiazione?
Il Comune mi ha chiesto di preparare un curriculum ed io ho scritto che, facendo l'insegnante, non avevo nessun titolo di studio. Sono nato in una famiglia di contadini e ho fatto l'equivalente della III media. Durante la guerra il paese dove abitavo, Vergiate, al confine tra Piemonte e Lombardia, aveva una fabbrica di aerei che fu bombardata. I bombardamenti avevano colpito il ponte sul Ticino che unisce le due regioni; al di là del Ticino c'era una scuola di avviamento commerciale e gli insegnati che abitavano al di qua del fiume aprirono una sezione distaccata della scuola nel mio paese, per chi non poteva andare alla scuola principale. Io così ho seguito nel 1944 -1945 il primo corso. Finita la guerra la scuola è tornata dall'altra parte del Ticino ed io ho trovato una seconda classe di scuola a una quindicina di km da casa mia; prendevo il treno al mattino, ma nel 1945 i treni erano a vapore e le vetture erano i carri bestiame. I sedili c'erano solo in I e II classe. La III classe per un anno è stata composta da carri bestiame. Per noi ragazzi era una pacchia: giocavamo a palla o ai quattro cantoni mentre il treno andava.
Questo non l'ho scritto sul CV ma ho scritto una cosa più interessante. Nel novembre 2004, dieci anni fa, ho organizzato al centro civico di Milano Due una mostra sulle religioni mondiali ideata da un professore svizzero che insegna in Germania, compagno di seminario di Papa Ratzinger. Questo monsignore ha fondato Etica Mondiale, un'associazione che ritiene che non ci può essere pace tra le nazioni se prima non c'è pace tra le religioni. Egli è andato a scoprire cosa hanno in comune le sei religioni più diffuse del mondo e ha trovato dei punti in comune: ama il prossimo come te stesso, ad esempio. Io avevo visto la mostra in Svizzera e l'ho portata a Segrate, l'ho tradotta in Italiano e ho scritto al monsignore per fargliela inaugurare. Ho portato questi quadri nelle scuole, alla festa dei popoli e attualmente è qui in sacrestia nella Parrocchia di Santo Stefano.
Che cosa rappresenta per lei l'Ape d'Oro? Che emozione ha provato a ricevere questo riconoscimento da parte del Comune di Segrate? E' soddisfatto dopo aver ricevuto l'Ape d'Oro?
E' un riconoscimento che non mi aspettavo. L'Ape d'Oro è assegnata a chi riceve più proposte da parte della popolazione segratese e viene poi scelto da una commissione. Ho detto a Don Andrea: "Se l'hanno dato me, ci sono almeno altre 200 persone che la meritano più di me!"
Come si usa, quando si riceve un premio lo si dedica a qualcuno, io l'ho dedicato a mia moglie e alla mia nipotina. Cosa dirà questa bambina che adesso ha due anni? Cosa dirà nel 2060 trovando nel cassetto questa moneta? Io ho piantato tanti alberi, ho scritto tanti articoli su Segrate Oggi e ho quattro figli: come dice un noto proverbio cinese, queste sono le cose da fare per essere ricordati.

Quando ha cominciato ad aiutare la comunità di Segrate?
Vi dirò che la mia prima lezione, non c'era ancora questo edificio, si è svolta in due locali e senza il computer. Mi sono trovato davanti tre signore ucraine e quattro cinesi, con loro ho iniziato con l'abc e tutto sommato è andata bene. Qualche anno dopo ho iniziato a usare il pc.
Com'è la vita di un volontario CARITAS?
E' una vita ricca di soddisfazioni. Dipende in quale attività si presta la propria opera di volontariato: per noi alla scuola di italiano richiede un minimo di impegno nel preparare le lezioni e da' grande soddisfazione.
Come ha deciso di insegnare l'italiano agli stranieri? E perché?
Perché c'è stata una signora, mia vicina di casa, che 16 anni fa era la responsabile della Caritas di questa parrocchia prima della signora Luisa. Da un anno aveva iniziato a tenere questi corsi. Io oltre a fare i corsi di italiano per stranieri scrivo degli articoli su Segrate Oggi ed ero venuto in parrocchia a fare un'intervista alle insegnanti per scrivere un articolo. L'anno dopo questa signora mi chiese di diventare un insegnante e ho accettato. Ho cominciato così.
Perché le piace insegnare italiano agli stranieri?
Perché mi piace trasmettere quel poco di sapere che ho agli altri. Non voglio tenerlo per me. Stamattina ho chiamato alla RAI, alla trasmissione PRIMA PAGINA. Avevano parlato del PIL che è diminuito ed io ho scritto che non basta parlare di PIL, ci vorrebbe il Prodotto Morale ed Etico di ogni nazione. Il giornalista ha letto il mio messaggio. Ho telefonato ancora una volta e mi hanno mandato in diretta. Il giornalista ha concordato con me.
Cosa la spinge a lavorare così tanto e a dedicare la sua vita agli altri?
Il comandamento Ama il prossimo tuo come te stesso. Non ci sono differenze religiose, politiche...ho imparato da mia madre, il suo insegnamento era: se non puoi fare del bene a una persona, astieniti. Se puoi fare del bene, fallo con buon umore.
Che cosa le piacerebbe fare di nuovo per la scuola di Italiano Caritas?
Mi piacerebbe avere a disposizione più strumenti multimediali, per imparare ad usarli per aiutare chi deve imparare.
Cosa le piace quando scrive gli articoli per Segrate Oggi?

Mia figlia frequentava il liceo e ha iniziato a scrivere su Segrate Oggi, quando si è stancata di collaborare con il giornale sono subentrato io proponendo una rubrica sul dialetto lombardo. Ogni 15 giorni descrivevo una parola in dialetto lombardo in modo che tutti i nuovi cittadini di Segrate potessero conoscere il nostro dialetto. Ho due desideri: che la mostra sulle religioni diventi una mostra permanente e di entrare nelle scuole non più a fare le interviste. Alla domanda chi è la persona più importante mai nata, nessuno studente mi ha mai risposto Gesù, Maometto o Buddha.
Lei oggi è pensionato, giornalista e insegnante di italiano. Cosa ha fatto prima di tutti questi "mestieri"?
Ho fatto l'emigrante come voi, ma in un posto molto più vicino. Sono andato in Svizzera, a Zurigo. Dopo il servizio militare ho lavorato in un'officina meccanica, ma non mi piaceva molto. Per farla breve, ho trovato lavoro presso una ditta di Zurigo. Ho fatto delle prove d'esame, mi hanno fatto un contratto di lavoro come meccanico e sono partito. In realtà sono andato lì con l'intenzione di imparare le lingue – prima il tedesco e poi l'inglese. Dopo 3 anni ho trovato lavoro all'aeroporto di Malpensa. Questo è avvenuto nel 1959, nel 1960 hanno aperto l'aeroporto di Linate e mi hanno spostato lì, così ho cercato casa a Segrate.
Questa serie di circostanze fortuite ha avuto una grande influenza nella mia vita personale. Di stanza a Venezia ho conosciuto una turista di Zurigo e poi sono andato in Svizzera a Zurigo. E ho fatto 54 anni di matrimonio. Avevo un bel discorso ma l'emozione mi ha tradito.

Leggi l'articolo in PDF.