Lunedì 9 maggio 2022

LUNEDI’ 9 maggio
Letture – At 9,31-43; Sal 21(22); Gv 6,44-51

E’ veramente cosa buona e giusta renderti grazie, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Tu hai creato il mondo nella sua varia ricchezza e hai disposto l’avvicendarsi delle stagioni; all’uomo, plasmato con sapienza a tua immagine, hai sottomesso ogni creatura vivente, affidandogli
tutte le meraviglie dell’universo. Dalla terra lo avevi tratto, ma rigenerandolo nel battesimo gli hai infuso una vita che viene dal cielo. Da quando l’autore della morte è stato sconfitto per l’azione redentrice di Cristo, l’uomo ha conseguito il dono di un’esistenza immortale e , dispersa la nebbia dell’errore, ha ritrovato la via della verità. Riconoscenti e ammirati per questo disegno di salvezza, uniti agli angeli e ai santi, eleviamo a te, o Padre, l’inno di lode: Santo…(prefazio)

Commento
Dalla terra lo avevi tratto, ma rigenerandolo nel battesimo gli hai infuso una vita che viene dal cielo… l’essere “rigenerati”, nascere di nuovo, nascere dall’alto; questa è la Fede. Se non si crede che sia possibile, se non si crede che possa accadere -pur rimanendo dentro il grande Mistero- non si può fare il salto…verso l’Alto!!

Preghiera
Ti chiediamo, o Signore, di cercarti così come ti ha cercato Abramo
e di desiderarti come lui, di attendere con fiducia
la manifestazione della tua Parola, che è Gesù Cristo, nostro Signore,
crocifisso per noi e risorto, che vive e regna per tutti i secoli dei secoli. Amen


INNO AKATISTOS – Seconda parte

18. Per salvare il creato, il Signore del mondo, volentieri discese quaggiù.
Qual Dio era nostro Pastore, ma volle apparire tra noi come Agnello: con l’umano attraeva gli umani, qual Dio l’acclamiamo: Alleluia!
19. Tu difesa di vergini, Madre Vergine sei, e di quanti ricorrono a Te: che tale ti fece il Signore di tutta la terra e del cielo, o illibata, abitando il tuo grembo e invitando noi tutti a cantare:

Ave, colonna di sacra purezza,
Ave, Tu porta d’eterna salvezza.
Ave, inizio di nuova progenie,
Ave, datrice di beni divini.
Ave, Tu vita hai ridato ai nati nell’onta,
Ave, hai reso saggezza ai privi di senno.
Ave, o Tu che annientasti il gran seduttore,
Ave, o Tu che dei casti ci doni l’autore.
Ave, Tu grembo di nozze divine,
Ave, che unisci i fedeli al Signore.
Ave, di vergini alma nutrice,
Ave, che l’anime porti allo Sposo.
Ave, Vergine e Sposa!