Venerdì 29 aprile 2022

Testi della messa:
At 4,23-31 Sal 2; Gv 3,22-30

Quinto “punto”: Battezzare
Nella messa: In quel tempo. Il Signore Gesù andò con i suoi discepoli nella regione della Giudea, e là si tratteneva con loro e battezzava. Anche Giovanni battezzava a Ennon, vicino a Salim, perché là c’era molta acqua, e la gente andava a farsi battezzare. (Gv 3,22-30)

“Una riga”: Trasforma tutti noi in sacrificio a te gradito (Orazione)

Bella questa indicazione che il sacerdote dice a nome nostro, mentre il pane e il vino sono posti sull’altare. Essere sacrificio gradito significa (è = ad) essere “amore allo stato puro”, come quello che il Figlio ha compiuto. Per noi “stato puro” vuole dire con la presenza del limite, della libertà immatura e della predisposizione al peccato… eppure aperti ad essere un dono! E il Padre non vede altro che il donarsi. Bello che si chieda di essere “amore allo stato puro”!
* Occorre solo lasciarsi andare come quel pane che diventa… “pane allo stato puro”!

Preghiera di chiusura
Benedetto sempre il Signore
ha cura di noi il Dio della salvezza,
il nostro Dio è un Dio che salva.


INNO AKATISTOS – Prima parte

8. Osservando la stella che guidava all’Eterno, ne seguirono i Magi il fulgore. Fu loro sicura lucerna andando a cercare il Possente, il Signore. Al Dio irraggiungibile giunti, l’acclaman beati: Alleluia!
9. Contemplarono i Magi sulle braccia materne l’Artefice sommo dell’uomo. Sapendo ch’Egli era il Signore pur sotto l’aspetto di servo, premurosi gli porsero i doni, dicendo alla Madre beata:
Ave, o Madre dell’Astro perenne,
Ave, o aurora di mistico giorno.
Ave, fucine d’errori Tu spegni,
Ave, splendendo conduci al Dio vero.
Ave, l’odioso tiranno sbalzasti dal trono,
Ave, Tu il Cristo ci doni clemente Signore.
Ave, sei Tu che riscatti dai riti crudeli,
Ave, sei Tu che ci salvi dall’opre di fuoco.
Ave, Tu il culto distruggi del fuoco,
Ave, Tu estingui la fiamma dei vizi.
Ave, Tu guida di scienza ai credenti,
Ave, Tu gioia di tutte le genti.
Ave, Vergine e Sposa!